Home ScienzeBiologia Marina Pastinaca comune (Dasyatis pastinaca) a cura di Martina Di Vincenzo

Pastinaca comune (Dasyatis pastinaca) a cura di Martina Di Vincenzo

da D. De Stefano
0 commento
Dasyatis pastinaca, conosciuta comunemente come pastinaca comune, è una razza appartenente alla famiglia Dasyatidae. Questa specie è diffusa nell’Oceano Atlantico settentrionale e nel Mediterraneo, dalla Norvegia al Mar Baltico fino alle Canarie e al Mar Nero. L’habitat ideale è rappresentato dai fondali sabbiosi e limosi, dove questo animale si nasconde e si nutre. Questa pastinaca può raggiungere i 2,5 metri di lunghezza e un metro e mezzo di larghezza. Il muso è piuttosto pronunciato e i piccoli occhi sono seguiti da due evidenti spiracoli. Possiede dalle 28 alle 38 file di minuscoli denti nella mascella superiore e 28-40 file nella mascella inferiore. 

La coda è dotata di un aculeo seghettato e velenifero in grado di infliggere ferite anche gravi. La colorazione del dorso varia dal grigio-marrone al verde-olivastro, mentre il ventre è di colore chiaro. Come le altre pastinache, la Dasyatis pastinaca è una specie ovovivipara. Le femmine danno alla luce dai 4 ai 9 piccoli due volte all’anno dopo una gestazione di quattro mesi. Si nutre principalmente di crostacei e piccoli pesci bentonici. La specie rimane spesso vittima del bycatch(cioè della cattura accidentale dovuta alla pesca a strascico), ma nonostante ciò la specie non desta particolare preoccupazione e nel Red Data Book dell’IUCN è classificata tra le specie LC (preoccupazione bassa). L’aculeo seghettato generalmente colpisce la gamba provocando una ferita lacero-contusa e può spezzarsi nelle carni della vittima. I sintomi consistono in gonfiore e dolore localizzati che aumentano di intensità e possono durare 12-48 ore. Possono essere avvertiti estrema debolezza, senso d’angoscia e nausea, possono verificarsi vomito, diarrea e collasso per vasodilatazione. La regione attorno al punto colpito si scolora e può andare in necrosi. Pare che il principio tossico sia una cardiotossina, probabilmente di natura proteica poiché è termolabile, quindi oltre alla normale disinfezione ed eventuale sutura della ferita si suggerisce di immergere la zona colpita in acqua calda o di applicare impacchi caldi. Secondo alcuni, un individuo di questa specie potrebbe essere il responsabile della morte dell’atleta di 15 anni avvenuta a Cala Volpe nel 2006; sicuramente un altro individuo della specie è responsabile della morte di Steve Irwin, sempre nel 2006, un esperto documentarista meglio conosciuto come “Mr Crocodile Hunter”. 
Seguici su Facebook clicca Qui

Se vuoi sostenere il nostro impegno clicca su donazione 

Leggi anche

Lascia un Commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione intenderemo che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta