Home Senza categoria Curiosità marine, Può un robot essere curioso?

Curiosità marine, Può un robot essere curioso?

da D. De Stefano
0 commento
La maggior parte dei robot sottomarini tradizionali sono bravi a seguire percorsi semplici, pre-impostati per svolgere le loro missioni. Di norma, vanno su e giù attraverso le sezioni del mare, monitorando attraverso un modello che gli scienziati definiscono come “falciare il prato”. I robot che raccolgono immagini,a volte centinaia di migliaia a missione, non hanno la capacità di riconoscere gli oggetti o prendere decisioni sulla base su ciò che vedono.Quindi tutte le analisi e le decisioni restano da prendere sempre agli scienziati.



“È possibile raccogliere tutti i dati che si desidera, ma l’oceano è troppo grande, e si finisce per accumulare troppi dati”, ha detto Girdhar. “L’analisi dei dati da parte di personale umano è molto costoso, quindi questo aspetto diventa una limitazione alla quantità di mare che c’è da esplorare”


Ma cosa succederebbe se, invece di affidarsi a persone nel ritrovamento dell’ago in un pagliaio di immagini, un robot potrebbe prenderebbe decisioni autonomamente su ciò che vede e allerterebbe gli scienziati solo su cose davvero interessanti?


Secondo WHOI scienziato e ingegnere Hanumant Singh, sarebbe un punto di svolta per la robotica subacquea come la conosciamo oggi.


“Un pilota della curiosità del robot, in teoria, sarebbe un punto di svolta secolare con analisi di immagini subaquee”, ha detto Singh. “La maggior parte degli scienziati appena scorgono l’enorme volume di immagini che i robot sottomarini raccolgono, alzano le mani. Soprattutto dal momento che possono essere necessari diversi minuti per analizzare ciascuna immagine. Così, finiscono per guardarne solo qualche centinaio che è un campione molto limitato.”


Tim Shank, uno scienziato WHOI che usa i robot per esplorare bocche idrotermali e coralli nelle profondità dell’oceano, preferisce avere sempre e comunque una persona per l’analisi di ogni singola immagine guardato nonostante il tempo e le risorse che questo comporta.


Girdhar ha collaborato nella costruzione di un prototipo abbastanza curioso di robot subacqueo chiamato “Aqua” come parte del suo dottorato di ricerca. Ha lavorato nel laboratorio di Greg Dudek a McGill University di Montreal. Equipaggiato con una videocamera grandangolare e sei pinne meccaniche, il robot sperimentale è stato programmato con algoritmi specializzati di Girdhar ed è stato libero di scorazzare nelle acque al largo della Bellairs Research Institute di Barbados.


“Sono andato a immergermi con Aqua durante quel viaggio, completamente sicuro di cosa aspettarmi”, ha detto Girdhar. “Ci siamo fearmati nei pressi di una testa di corallo circondata da sabbia. Non ci è voluto molto tempo prima che Acqua fosse incuriosita dalla testa di corallo. Aveva molto un comportamento animalesco e ha iniziato ad annusare in giro come un cane. Non voleva andare sulla sabbia, dal momento che non era così interessante “.


Ad un tratto Girdhar stesso è entrato nel campo visivo di Agua diventando ben presto la fonte singolare di curiosità per il robot. Ha continuato a seguirlo in giro fino a quando smise di nuotare, a quel punto il robot semplicemente aleggiava su di lui.


“E ‘stato molto incoraggiante vedere che funziona il modo in cui avevamo sperato”, ha detto Girdhar.




Articolo tradotto dal sito del WHOI
a cura di Giampaolo Iacomino
Diventa nostro fan, aiutaci a difendere il Nostro mare, seguici su facebook, clicca qui

Leggi anche

Lascia un Commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione intenderemo che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta