Home Tutela Ambientale Campania: Aumento dei tratti di mare balneabile, quindi possiamo stare tranquilli? 

Campania: Aumento dei tratti di mare balneabile, quindi possiamo stare tranquilli? 

Mare balneabile non vuol dire Mare Pulito!

da fondali_admin
0 commento

Il polpo esce dalla bottiglia di plastica che utilizza come tana e a gran velocità si dirige verso una tartaruga marina imbrigliata in una rete :

Polpo: “Smettila di lamentarti, hai letto i giornali , secondo i dati arpa Campania sono aumentati i tratti di mare balneabile”

 La tartaruga lo guarda come Oliver Harvey guardava Stanlio e urla:

“STUPÌDO! “

Dati confortanti sulla balneabilità in Campania. Ma cosa vuol dire balneabile?

In questi giorni il bollettino ufficiale della Regione Campania ha diramato notizia secondo la quale “aumentino i tratti di mare balneabile in Campania” . Ma cosa vol dire balneabile? Questo dato può farci stare tranquilli in merito alla salute generale del mare? 

Qualche riflessione va fatta, quindi proviamo a vederci chiaro.

È disponibile la nuova classificazione delle acque di balneazione in Campania, propedeutica alla stagione balneare 2024. Aumentano i tratti di mare di qualità “eccellente” (dall’88 al 90% della costa monitorata), grazie ai miglioramenti registrati in provincia di Caserta. Le acque non balneabili restano al 3% a livello regionale.

In media, in un anno vengono prelevati, su un totale di circa 480 chilometri di costa campana adibita alla balneazione, all’incirca 2500 campioni e effettuate oltre 5mila determinazioni analitiche per la ricerca degli indicatori di contaminazione fecale (Escherichia coli ed Enterococchi intestinali).

Le acque risultate di qualità sufficiente, buona, eccellente e quelle di nuova classificazione sono da considerarsi balneabili ad inizio stagione balneare ma suscettibili di divieto temporaneo in caso di non conformità registrate nell’ambito dei controlli stagionali. Le acque risultate, invece, di qualità scarsa sono da ritenersi non balneabili per l’intera stagione balneare ma saranno ugualmente monitorate secondo il calendario regionale così da poterne consentirne un eventuale recupero.

Per il 2024, rispetto alla scorsa stagione balneare sono ventotto le acque che hanno variato la classe di qualità.

Se il trend di classe è in miglioramento resta però sempre costante, come si è detto, la percentuale delle acque scarse (3%). In totale si tratta di sedici tratti, elencati nella tabella seguente.

A livello provinciale aumentano le acque eccellenti in provincia di Caserta da 89% a 94% mentre restano costanti quelle in provincia di Napoli (86%) e di Salerno (90%). Le scarse si attestano sempre sul 2% in provincia di Caserta mentre aumentano dal 4% al 5% in provincia di Napoli e diminuiscono dal 3% al 2% in provincia di Salerno.

saranno consultabili in tempo reale sul web istituzionale di Arpac nella sezione dedicata alla balneazione, sul Portale Acque del Ministero della Salute e contestualmente sull’apposita app “Arpac Balneazione” per dispositivi mobili. Notizie di dettaglio saranno comunicate tramite il profilo X di Arpac.

Quindi il mare è pulito ? 

In estrema siatesi vale la pena evidenziare che i dati sulla balneazione fanno riferimento solo a due paramenti: (Escherichia coli ed Enterococchi intestinali)

Resta inteso che altri parametri come la quantità di sostanza inquinanti quali piombo, cadmio, pesticidi, erbicidi, concimi, detersivi, petrolio, prodotti chimici industriali e acque reflue non rientrano nei parametri tenuti in considerazione .

A queste sostanze inquinanti vanno aggiunti materiali plastici (microplastiche e microplastiche ) che rappresentano un grave problemi per gli organismi marini e per l’uomo.

A che punto siamo con la tutela del mare?

Se è vero che i dati di balneazione risultano confortanti, bisogna moderare gli entusiasmi e cogliere l’occasione per riflettere in merito agli interventi da realizzare per liberare le acque dai materiali inquinanti che hanno un impatto negativo sulla salute dell’intero eco sistema marino.

a cura di Davide De Stefano

fonti: Qualità del mare aumentano i tratti balneabili

Leggi anche :

Report microplastiche lungo le spiagge del Golfo di Napoli . 

Leggi anche

Lascia un Commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione intenderemo che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta