Dischetti sulle spiagge, la procura manda a processo 8 persone grazie alle segnalazioni degli utenti su Facebook

Nel marzo del 2018 le spiagge Campane furono invase da milioni di dischetti di plastica, la fonte del disastro fu individuata presso il depuratore di Capaccio, ora la procura di Salerno manda a processo 8 responsabili.

Grazie alle numerose segnalazioni degli utenti attraverso Facebook ,  la Guardia costiera  individuo’ nel depuratore di Capaccio e Paestum , l’origine del misterioso accadimento.

I dischetti ancora oggi continuano a comparire sulle spiagge e il fenomeno si è allargato lungo tutta la costa del mediterraneo occidentale, come si evince dalle immagini postate sulla pagina ufficiale dell’associazione Clean Sea Life

L’associazione ha ringraziato pubblicamente tutte le persone che in questi anni hanno raccolto 250000 dischetti di plastica e le oltre 600 segnalazioni che la stessa Clean Sea Life continua a raccogliere.

Ecco il post ufficiale di  Clean Sea Life:

Seguiamo con interesse la vicenda augurandoci che non accada mai più una sciagura del genere.

Intanto si approfitta dell’occasione per sottolineare l’importanza delle segnalazioni sui social, che hanno rappresentato il principale strumento di lotta contro l’inquinamento dei mari.

Per segnalazioni rivolgersi alla pagina Clean Sea Life al seguente cliccando qui

 

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *