Area Marina Protetta di Capri, il Ministro Costa firma in diretta Facebook : “Ora stop alle polemiche”

Nei giorni scorsi abbiamo raccontato il diffuso malcontento delle associazioni e del mondo politico in merito alla mancata istituzione dell’Area Marina Protetta di Capri

Il ministro dell’ambiente Sergio Costa, qualche mese fa aveva promesso l’istituzione dell’AMP di Capri,per assecondare le richieste degl’isolani che da diversi anni vivono sulla loro pelle i risvolti negativi di un turismo asfissiante, principale causa di disservizi e privo di ogni regola di carattere ambientalista.

Questa situazione ha determinato la convinzione che bisognava intervenire al più presto, per difendere il patrimonio paesaggistico e ambientale dell’isola.

Ieri sera finalmente i Capresi hanno tirato un sospiro di sollievo, infatti attraverso il profilo personale Facebook del Ministro Sergio Costa, firma in diretta l’istituzione dell’area Marina protetta di Capri.

“Nei prossimi giorni i sindaci di Capri e Anacapri, verranno richiamati a Roma per avviare le procedure indispensabili a dare il via al progetto” dichiara Sergio Costa “poi sarà saremo pronti ad ascoltare anche tutti gli stakeholder  le associazioni ambientaliste, allo scopo di cominciare già dal mese di gennaio alla procedura per mettere in pratica l’istituzione dell’AMP di Capri nel più breve tempo possibile”

Guarda il Video dalla Fonte ufficiale

Siamo molto soddisfatti di questa bella notizia, giunta a poche ore dalla doccia fredda che vedeva svanito il sogno dell’istituzione dell’AMP di Capri, ora è il momento di ringraziare chi con impegno si adopera al fine di garantire una migliore gestione delle risorse naturali della nostra Regione.

Nei prossimi giorni incontreremo le principali associazioni dell’isola che ci racconteranno le origini della loro battaglia per l’istituzione dell’area marina protetta a Capri.

Seguono aggiornamenti

Segui Fondalicampania anche su Facebook, clicca qui 

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *