Fondali devastati per il corallo, il Parco Marino Punta Campanella si costituirà parte civile

Ieri le misure cautelari contro 10 bracconieri del mare che hanno causato danni anche a Li Galli e Isca nell’Area Marina Protetta

400 chilogrammi di corallo rosso raccolti dai fondali della costiera, in spregio a qualsiasi norma. Ieri la procura di Salerno ha emesso 10 provvedimenti di obbligo di dimora nei confronti degli autori del disastro ambientale. Tra i siti colpiti, anche 3 ricadenti nell’Area Marina Protetta di Punta Campanella: Li Galli, Isca e Punta della Campanella, il promontorio di fronte Capri che divide il Golfo di Napoli da quello di Salerno.

L’ Area Marina Protetta è pronta a costituirsi parte civile nel processo penale che vedrà alla sbarra i 10 autori del disastro. Ad annunciarlo il presidente e il direttore del Parco Marino, Michele Giustiniani e Antonino Miccio: ” Ringraziamo la Capitaneria di Porto di Salerno, il comandante Menna per il meritorio lavoro e la procura di Salerno per aver fermato questi criminali. Siamo pronti a costituirci parte civile nel processo per dare un segnale a quanti continuano a devastare l’ambiente.”

Secondo i tecnici che hanno analizzato i danni, ci vorranno circa 50 anni per ripristinare lo stato dei luoghi. I responsabili dello scempio impiegavano una società di copertura per compiere l’attività illecita. Si parla di un giro di affari di circa 1 milione di euro.

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *