Ercolano, la mancanza di un piano di tutela ambientale favorisce il degrado?

Il litorale Ercolanese ha un passato glorioso, tanto che la regina  Maria Carolina d’Asburgo in visita ad Ercolano battezzo la splendida villa in riva al mare che la ospitava con il nome di ,“La Favorita” .

Oggi dopo 150 anni di storia, la costa e il mare di Ercolano non sono più una priorità nella programmazione amministrativa della città.

Sollevando l’amministrazione comunale da gran parte delle responsabilità legate alla salubrità delle acque, problema complesso che coinvolge tutti i comuni del Golfo di Napoli, rimane comunque da capire come mai il destino della costa non goda della giusta attenzione.

Durante un sopralluogo, i soci di Fondalicampania, hanno documentato l’abbandono di numerosi rifiuti sia sul molo Favorita che sulla nuova terrazza in via Gennaro Niglio, da poco costruita a spese del comune.

Balzano alla mente diversi interrogativi, ci chiediamo: come mai l’amministrazione non riesce a preservare questi luoghi? Quali motivi spingono le persone ad abbandonare rifiuti sul molo e sulla terrazza? Forse la mancanza di un adeguato piano di tutela ambientale favorisce il degrado?

In queste ore Fondalicampania, sta provando ad avere risposte in merito, intanto sono già partiti esposti alla capitaneria di porto di Torre del Greco e all’indirizzo del Comune di Ercolano.

Attendiamo risposte, vi terremo aggiornati.

 

 

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *