lunedì 3 aprile 2017

Addio alla grande barriera corallina Australiana!

 – A cura di Anna Cozzolino
La Grande Barriera Corallina australiana è stata dichiarata morta: lo scorso anno ha subito uno sbiancamento senza precedenti causato dal temporaneo aumento della temperatura delle acque (4° in più rispetto alla temperatura normale).

 Il fenomeno causa l’indebolimento delle alghe e lo scolorimento dei coralli. La Grande Barriera Corallina ha subito lo sbiancamento del 90% dei coralli e la morte del più del 20%. Nella zona più a Nord sono scomparsi due terzi dei coralli. A rivelarlo uno studio condotto da un team internazionale di scienziati pubblicato sulla rivista Nature. Il riscaldamento globale è la minaccia numero uno e quello avvenuto nel 2016 rafforza la necessità urgente di limitare il cambiamento climatico. È stato il terzo maggior episodio che ha colpito la Grande Barriera dopo le più recenti ondate di calore del 1998 e del 2002. Il cambiamento climatico non è una minaccia futura ma qualcosa che colpisce la Grande Barriera Corallina da ben 18 anni.  L’aumento delle temperature, causato dai cambiamenti climatici, sta letteralmente “cuocendo viva” la Grande Barriera Corallina, il calore infatti uccide alcuni organismi viventi o alghe all’interno del corallo, provocandone lo sbiancamento. 
Seguici su Facebook, clicca qui