domenica 11 settembre 2016

Le favole di Fondalicampania:La mormora di superficie

Una bella mormora, ma proprio bella, nuotava sempre in superficie. Un giovane mormora l’osservava da tempo; ne apprezzava il corpo affusolato, le striature scure e verticali, il musetto fiero e allungato. In poche parole, se n’era innamorato.  
Però, stranamente, la bella mormora se ne stava perennemente in superficie e non la si poteva, in quanto mormore (perché stanno sempre sulla sabbia), avvicinare.
Come poteva fare? Un bel giorno si fece coraggio, salì laddove non era mai salito, e le disse:

“Comm’è can un staje ‘ncoppa ‘a sabbia? Si ‘na mormora, o no?”

“Quann’era piccerella, mammà venette piscata ‘ncoppa ‘a sabbia. Ije steve llà. L’urdema cosa ca essa me ricett’, nun ma pozz’ scurdà: <Figlia mia, statt’ sempe cchiu avet>. E picciò ije stong sempe cca.”

Il giovane mormora non si capacitava:

“Ma co mangià comme faje? Tu mang’ sul’ cozzech’, vongol’ e vierm’ ca stanno rint’ ‘a sabbia…”

“E nun ‘o bbi comme song’ secca? Meglio secca ca morta…”

Morale. Vivere contro natura comporta privarsi di cose essenziali per la vita.
La mormora, non solo era magra, ma anche zitella!


                                          Da “Favole di fondalicampania.com”
                                                              (Tutti i dirittti riservati)
a cura di Giuseppe Volpe
seguici sulla nostra pagina facebook, clicca qui