martedì 30 agosto 2016

I pesci riflettono sugli uomini a cura di Giuseppe Volpe


                                         

La passeggiata Porto - Scala a Torre del Greco è molto frequentata stamattina. Molti pesci e… altrettanti pescatori sono attratti dalla bella giornata di sole. I ragazzi di fondalicampania.com hanno anche messo un cartellone sulla biodegradabilità, per informare la popolazione circa i danni di un dissennato mancato riciclo dei rifiuti urbani.

In questa bella mattinata di sole, tutto sembra risplendere. I bambini giocano sulle altalene, sugli scivoli e coi sassi sulla spiaggia. Le mamme li stanno a guardare…, ma che strano: con un occhio soltanto, perché con l’altro sono immerse in un piccolo strumento che chiamano smart-phone… Se queste mamme potessero sentire cosa si dicono i pesci sott’acqua…:

“Cumpà, ma l’uommene nun song’ comme e nuje? Nun mangiano, bevono e basta?”

“No, lloro vanno a mare ca machina, pe’ passà ‘o tiempo. Po’ tornano a casa, s’accattano ‘o mangià, po’ vanno a faticà pe’ s’abbuscà e sord’…”

Morale. I pesci conducono una vita naturale: mangiano, bevono e dormono. Gli uomini non sono naturali: forse perciò sono infelici.


                                        Da “Favole di fondalicampania.com”
                                                                 (Tutti i diritti riservati)