domenica 10 luglio 2016

[VIDEO]Capri,un tuffo ai Faraglioni, sentinelle di un tesoro inestimabile

I gommoni scivolano agevolmente sull'acqua con la prua in direzione Capri , all'orizzonte il panorama più' famoso del mondo, tre scogli alti circa 100 metri ciascuno, che emergono dal mare come sirene, sono il nostro faro guida, non a caso il nome Faraglione deriva appunto dalla parola Greca "Pharo" che vuol dire faro.
La schiuma bianca delle eliche disegna il nostro percorso verso l'isola delle meraviglie, dall'imbarcazione cominciamo a scorgere la ricca vegetazione dell'isola e le nostre tre "sirene" si ergono fiere al nostro arrivo, il benvenuto più emozionante che si potrebbe immaginare.

Tante sono le leggende che hanno ispirato gli autori da tempi remoti, finanche il poeta Virgilio cito' i Faraglioni nella sua Eneide.
I tre scogli hanno origine antichissime e pare si siano formati dall'azione delle acque carsiche, che hanno scavato la roccia fino a 15m sotto il livello del mare, a questo evento è seguito un disfacimento della costa, dopodiché il mare, come abile artigiano, ha corroso le pareti con infinita pazienza fino a foggiarne le forme attuali.
Fra le curiosità più interessanti vi è l'esistenza della famosa lucertola azzurra, ritenuta la guardiana dei faraglioni, in quanto su queste rocce, il rettile di color azzurroPodarcis siculus coeruleus unica specie di lucertola azzurra al mondo, trova il suo unico habitat naturale. 

Ci siamo immersi a largo di Capri nei pressi dei faraglioni ed è stata una giornata rilassante e ricca di sensazioni positive, in una cornice paesaggistica ricca di colori tipici della nostra costa mediterranea.
L'amico Francesco De Vito ha commentato:"è stata una giornata fantastica trascorsa insieme a persone che hanno la stessa passione, cura e rispetto per il mare.E' stato indicativo il fatto di aver raccolto anche un pezzo di vetroresina dal fondo del mare, forse altri se ne sarebbero fregati altamente, ma Fondalicampania, ha a cuore la salvaguardia dell'ambiente marino. Quindi si è unito l'utile ad dilettevole", Faisal aggiunge :"la domenica a Capri è stata uno di quei giorni in cui la felicità di stare in compagnia e il piacere di scoprire una terra da un'altra prospettiva, assume un sapore unico".

Torniamo alle nostre dimore con in petto le emozioni che la Nostra terra ci sa regalare, conviti che debba maturare in noi un maggiore rispetto per quello che la natura ci ha donato.
 Le "sirene di Capri" saranno sempre li, a guardia di un tesoro naturalistico unico al mondo, ricchezza che spetta a noi preservare e valorizzare nel migliore dei modi, con passione e costanza.
(vai sulla nostra pagina ufficiale Facebook per vedere la Gallery fotografica della gita a Capri 2016)
Seguici su Facebook, clicca qui