lunedì 6 giugno 2016

Le favole di Fondalicampania,Pesca di beneficenza a cura di Giuseppe Volpe

Ancora una volta, sotto Castel dell’Ovo, c’è un’accesa discussione sindacale tra i pesci convenuti:

“Ma pecché se rice ‘pesca di beneficenza’ e non ‘caccia di beneficenza’? Accussì se ranno fauze ‘nfurmazioni. Se fa’ capì ca ‘a pesca è ‘na cosa bbona!”

Dice un sarago, con gli occhi più del solito fuori dalle orbite. Gli fa’ eco un non meno arrabbiato dentice:

“Quann’è accussì, allora vulimme fa’ pure nuje ‘ ‘a pesca al tesoro!’  Vulesse sapè pecché ‘o tesoro’ s’adda fa’ ‘a caccia’ e no ‘a pesca’!”

E’ giusto! E’ giusto! E’ un’ovazione di consensi (l’ovazione… è anche il sistema riproduttivo dei pesci…; capite bene quello che leggete…).


Morale. Gli uomini chiamano “pesca”, quello che non vedono; “caccia”, quello che vedono. Ma, a prescindere (direbbe Totò), uccidono sempre.