lunedì 9 maggio 2016

Le favole di Fondalicampania,ETICHETTE NEI FONDALI a cura di Giuseppe Volpe

Acceso dibattito nel fondale marino di Castel Dell’Ovo nel Congresso Regionale degli Animali Marini, resosi necessario per la perdurante discriminazione degli umani riguardo alla categoria dei pesci.





Cozza: “Me ricin’ ca song’ brutta!”
Vongola: “A me peggio, ricin’ che song ‘na cosa inutile e fuori luogo!”
Tracina: “A me ricin’ ca song’ <pungente> e che è meglio nun avè a che fa’ cu mme!”
Scorfano: “E c’aggia ricer’ ie? Me chiamman’ < ‘o brutt’>!”
Polpo: “A me ricin’ ca song’ muollo. Chisà pecché…!”
Riccio: “Invece, ie, e faccio schifo pe’ bje re’ spine: ma che ci pozz’ fa?”
Granchio: “Me chiamman’ <fellone>, ma nun signific’ <vigliacco>?”
Medusa: “Fors’ cu mme hann’ ragion’, song’ misteriosa e pericolosa…”
Seppia: “Cu mme esagerano! Ricin’ ca so ‘na iettatrice!”

E poi, un nugolo di pesci (cefali, orate, eccetera) rivendicano il loro appellativo di “branco” detto con disprezzo e non come semplice nome collettivo.
Un caos indescrivibile! Alla fine si da’ mandato alla vecchia e saggia tartaruga, che può andare a parlamentare con gli umani perché anfibia, affinché si ponga un limite a questo andazzo, effettivamente irriguardoso nei riguardi dei poveri pesci.

Morale. Per gli uomini i pesci, quando stanno in mare, sono pieni di difetti; ma quando stanno in padella, sono tutti buoni.


                                                                       Da “Favole di fondalicampania.com”
                                                                                     (Tutti i diritti riservati)