giovedì 11 febbraio 2016

Allerta per i pescatori! Invitiamo tutti i nostri lettori a condividere questo articolo


Si gonfia, ma non esplode. Ha grossi denti, ma non attacca l'uomo. La pericolosità di questo pesce è la tetraodontotossina (TTX), una potente neurotossina marina, il cui nome deriva dai pesci Tetrodontiformi (tetras-quattro e odontos-denti) al cui ordine fanno parte i pesci palla. 
E' proprio di un pesce palla di cui parliamo: il Lagocephalus sceleratus.
Alieno anche questo del Mediterraneo, si tratta di un pesce di origine Indiana, giunto nei nostri mari probabilmente attraverso in canale di Suez e che ormai si sta  riproducendo nei nostri fondali.
Già da tempo segnalato dalle Capitanerie di Porto come “vietatissima” la sua vendita sui banchi ittici, questo pesce risulta velenosissimo per l'uomo, anche dopo la cottura. Il primo sintomo di una intossicazione da TTX e’ un leggero torpore alle labbra e alla lingua, che appare tra 20 minuti fino a 3 ore. Successivamente si avverte un incremento di una paresi in viso e alle estremità degli arti. Possono verificarsi nausee, diarree associate a vomito. Via via la paralisi cresce con conseguenze sugli organi interni portando alla morte. Condividiamo quest'allerta anche noi di fondalicampania.com a tutela di quanti pescano nei nostri mari: non tanto per chi lavora nel settore (già abbondantemente avvisato dalle istituzioni locali), ma per chi pratica pesca sportiva che, seguendo il falso mito del “tutto del nostro mare è commestibile”, e non riconoscendo questa specie, potrebbe calarla nella prossima fritturina!
Eventualmente avvistata o pescata, potete segnalarne la presenza ai contatti di fondalicampania.com o a quelli dei nostri amici a tutela delle isole di Ischia e Procida, Ass. Nemo. Meglio ancora una segnalazione diretta a pescepalla@isprambiente.it .  Condividere le nostre segnalazioni significa partecipare in maniera attiva alla tutela dei territori marini e costieri della nostra amata regione. Diventare Socio fondalicampania, è il secondo passo.
Ciao a tutti e grazie.


...granchietto N°3.