domenica 21 giugno 2015

[Video] San Giovanni Battista riemerge per proteggere la città!

Stamattina alle 8.20 è lo stesso Presidente Pasquale di Lorenzo ad accoglierci presso il Centro Sub Sant Erasmo della Protezione Civile. Ci mostra la loro attrezzatissima sede e subito ci mette a disposizione un’imbarcazione per seguire l’antico evento. Grazie!
La tradizione racconta che nel VI sec. d. C. alcuni pescatori, venuti presso la spiaggia di Vigliena,nel tirare la rete avvertirono un peso insolito. Dopo molta fatica emerse dal fondo una statua di marmo raffigurante San Giovanni Battista.
Così come allora si ripete il rito anche in forma teatrale. In mare dei marinai vestiti d’epoca simulano il ritrovamento nelle proprie reti di San Giovanni Battista. Sembra di sentire l’atmosfera di un tempo mentre urlano che la rete è rigida e pesante. Quello che emerge però non è finzione ma l’antica statua di San Giovanni al suono di applausi e di clacson delle tante imbarcazioni accorse al largo della spiaggia. Il corteo accompagna poi il santo attraverso le spiagge di San Giovanni a Teduccio che noi muniti di walkie talkie della protezione civile sentiamo chiamare come “marina uno, marina due”.
Una folla impressionante di cittadini inonda le spiagge e si rivolgono al santo come ad un presagio di speranza e di buon auspicio mentre la rappresentazione storica continua anche a terra con l’arrivo in spiaggia.
Eccellente l’organizzazione della protezione civile che supportata dai sommozzatori della guardia costiera si occupano di ogni aspetto della manifestazione.
Resta una giornata di grande emozione e vedere così tante persone riunite per una festa centenaria in nome anche del mare ci riempie di gioia.

Ora i sommozzatori di Sant’Erasmo hanno riportato San Giovanni sotto il livello del mare, a 15 metri circa. Da questo punto protegge la città, protegge il mare.