martedì 17 febbraio 2015

Gli abitanti del nostro mare: Capitolo 1 – I mammiferi marini

Da questa settimana, inizieremo a occuparci più approfonditamente delle specie che abitano il mar Mediterraneo e che, quindi, più facilmente possiamo avvistare con una semplice gita fuori porta (mi riferisco sempre al Whale Watching e non agli acquari e ai parchi marini, ovvio!).
Il primo capitolo riguarda i Mammiferi marini e, come d'obbligo in questi casi, il primo passo è vedere la suddivisione sistematica che li riguarda, in quanto comprendono specie appartenenti a gruppi differenti e filogeneticamente distanti.
(clicca mi Piace e continua a leggere)


 
tra i Carnivori troviamo i Fissipedi e i Pinnipedi, legati ancora in qualche modo alla terraferma. L'ordine dei Sirenii e quello dei Cetacei, al contrario, comprende specie rigorosamente acquatiche, che si sono adattate così bene all'ambiente marino da non poterlo più abbandonare. In Mediterraneo, i Mammiferi marini sono rappresentati da due gruppi: i Cetacei e i Pinnipedi. Sia Mediterraneo che Mar Nero possiedono una loro cetofauna: quella mediterranea può essere considerata come un sottoinsieme di quella nordatlantica, mentre quella del Mar Nero un sottoinsieme di quella mediterranea. Delle 78 specie conosciute di Cetacei, 19 sono state osservate in Mediterraneo e nessuna di questa è endemica (cioè “tipica” dei nostri mari; unica in certo senso). Di queste, solo otto possono considerarsi regolari:
1 – Balenottera comune (Balaenoptera physalus);
2 – Capodoglio (Physeter catodon)
3 – Zifio (Ziphius cavirostris)
4 – Globicefalo (Globicephala melas)
5 – Grampo (Grampus griseus)
6 – Tursiope (Tursiops truncatus)
7 – Stenella striata (Stenelle coeruleoalba)
8 – Delfino comune (Delphinus delphis)

Per quanto riguarda i Pinnipedi invece, unica rappresentate nei nostri mari è la Foca monaca (Monachus monachus), che è endemica, cioè tipica solo delle nostre zone. Purtroppo, oggi è a rischio di estinzione, in quanto sopravvivono in natura solo circa 400 esemplari, per lo più localizzati nel Mar Egeo e nel Mediterraneo sudorientale.


Settimana per settimana, vi illustrerò le caratteristiche principali di ogni specie, con la speranza di insinuare in voi la voglia di vederli nel loro ambiente naturale, di conoscerle e di salvaguardarle. Stay tuned: la prossima settimana ci immergeremo con la Balenottera comune!
A cura di Martina Di Vincenzo
seguici su facebook clicca qui