venerdì 23 maggio 2014

Il mare e i suoi effetti benefici [Parte II]


“Themistocles primus intellexit quantae utilitatis mare…”
“Temistocle capì per primo quale importanza avesse il mare…”
Ovviamente lui si riferiva alle strategie di guerra, ma ci piace immaginare che Temistocle amasse il mare proprio come Noi di fondalicampania!Ci sarà un motivo se quando si parla di sirene si immaginano donne bellissime e in forma splendida! Le fanciulle del mare non potrebbero essere altrimenti, visti quanti benefici si ottengono trascorrendo del tempo fra la spiaggia e l'acqua salata...(clicca "mi piace" e continua a leggere)



Se infatti associamo spesso la vacanza sulla sabbia a un'intensa abbronzatura, che va conquistata con lentezza e attenzione, per evitare che diventi dannosa, a volte dimentichiamo che il meglio della bellezza estiva lo otteniamo proprio fra le onde. Facendo movimento, certo. Ma anche solo respirando e godendo dei benefici dell'acqua e dello iodio su tutto il nostro corpo. Ecco nel dettaglio quanti e quali sono gli effetti positivi che possiamo ottenere trascorrendo del tempo al mare.
Magnesio, zinco, sodio, potassio, rame, ferro, bromo, calcio, fosforo e iodio: l'acqua di mare è una ricchissima fonte naturale di sali minerali ed oligoelementi essenziali, cioè quelli che il corpo necessita per funzionare al meglio.
Tutti questi elementi, che l’acqua di mare contiene in grandi quantità sono direttamente assimilabili dall’organismo umano.
A contatto con l’acqua di mare, i pori cutanei si aprono, rendendo possibile il passaggio nel corpo dei minerali marini.
Non solo, l’acqua marina aiuta a combattere gonfiori e ritenzione idrica attraverso l’osmosi, favorendo il drenaggio dei liquidi.
Inoltre, respirando profondamente lo iodio e gli altri sali contenuti nell'aria in riva al mare, possiamo dare una scossa al nostro metabolismo bloccato o rallentato e avere benefici se stiamo seguendo un regime dimagrante, complice anche il caldo che leva l'appetito, e il cibo estivo (frutta, pesce, grigliate e insalate).
All’azione passiva e benefica del mare possiamo abbinare una serie di azioni “attive” per migliorare il nostro corpo e gli effetti tonificanti/benefici del mare, infatti praticare movimento sulla spiaggia serve a riattivare la circolazione, specialmente se camminiamo o corriamo a piedi nudi; inoltre è possibile tonificare le gambe e le braccia beneficiando della resistenza delle onde. Anche la partitella in spiaggia con gli amici a pallone o a palla a volo ci aiuterà a mantenerci in forma e se dopo siamo stanchi, beh non ci resta che tuffarci e poi poltrire sotto il sole.
Quale modo migliore per abbinare salute, tonicità del corpo e relax?!

Di Giovanni Paolo Iacomino

Se hai trovato interessante questo articolo clicca "Mi piace", in questo modo contribuirai a far crescere la Nostra comunita'
Fondalicampania.com invita a non rilasciare commenti offensivi Grazie.