martedì 20 maggio 2014

Gli spirografi: i vermi col ciuffo

Quante volte esplorando i fondali dei Nostri mari ci siamo imbattuti in questo strano esemplare?

A primo impatto siamo attratti dalla sua strana forma ad ombrello, esso infatti presenta un lungo e sottile corpo che si estende verso l'alto e all'estremita' sforgiano un cappello che sembra fatto di piume il quale sfruttando il movimento delle onde si muove in una danza ipnotica.

La sua forma induce a pensare che si tratti di una pianta ma in realtà esso appartiene al mondo aminale...(continua a leggere vedi video)



Lo spirografo è un verme, esso vive all'interno di un tubo di consistenza cartacea, prodotto dall'animale, dentro cui si ritrae in caso di pericolo.E' munito nella zona cefalica di branchie filiformi ricoperte di cilia e di ghiandole mucose, la cui funzione è di invischiare le particelle alimentari.

Queste hanno una colorazione che alterna giallo-marrone e bianco (vedi foto).


La sua dieta è simile a quella di molti altri animali marini, esso infatti si nutre prevalentemente di plancton e detrito in sospensione.

Questo verme “alieno” che suscita grande curiosita a causa delle sue forme, vive a varie profondita',(dagli 1 ai 50 metri), predilige i fondali sabbiosi o fangosi dove è piu' facile trovare nutrimento.

IMPORTANTE RICORDARE CHE:

Se doveste incontrarne qualcuno, vi invitiamo a non toccarlo e a non avvicinarvi troppo, questo animale infatti sentendosi minacciato tende a ritrarre il suo cappello filamentoso all'interno del tubo, operazione che richiede un grande dispendio di energia. Secondo alcuni studi è emerso che lo stress dovuto a questo meccanismo di difesa in alcuni casi puo' portare l'animale ad un regresso fisico, ci teniamo a ricordare che questi animali sono estremamente delicati.



Il mondo sommerso offre sempre emozionanti esperienze, imparando a conoscere le specie viventi che lo popolano impareremo a rispettarlo.

Ora non ci resta che auguravi buono Snorkeling
Seguici anche su facebook

Se hai trovato interessante questo articolo clicca "mi Piace", contribuirai a far crescere la nostra comunita'
fondalicampania.com Vi invita a non rilasciare commenti offensivi Grazie.